- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -



www.palmitessa.de

Soul Circles
Alessandro Palmitessa | EGP Records (2009) di Luca Vitali

Compositore, clarinettista e sassofonista, Alessandro Palmitessa, nonostante le origini italiane vive da lungo tempo in Germania e proprio lì è cresciuto musicalmente nel ultimi 20 anni.
Dopo aver dato vita al progetto orchestrale "Menschensinfonieorchester" ha avviato diversi progetti sonori legati all'arte (esibizione di Chagall, inaugurazione del Westadhaus di Renzo Piano, ecc), una serie di collaborazioni eccellenti con radio e televisioni nazionali, con la Noci Big Band di Minafra, e ha vinto un importante premio al festival di S.Anna Arresi con la formazione Noizland. Ad affermarlo in questi anni è un percorso fatto di paesaggi e sculture sonore per progetti interdisciplinari e multimediali ora più jazz ora più world.

Soul Circles è il frutto di un percorso artistico che sempre più lo ha spinto ad assumere il ruolo di polistrumentista e a fondere sonorità diverse, per genere e provenienza.
L'avvio, in pieno stile Monk, è presto contraddetto da un lavoro che mescola paesaggi sonori dal respiro folk, accenni minimal alla Wim Mertens, tango, polka, Ravel e tanto altro per un melting pot contemporaneo di area world sempre molto aereo e poco ritmico. Background sonori costruiti con percussioni, elettronica e la chitarra di Cosimo Erario dove a spiccare è la bella pronuncia strumentale del leader ai sassofoni e clarinetti.Un bel lavoro fatto di tanti elementi e riferimenti ma che mette in luce una poetica composita caratterizzata da forte originalità e coerenza.

Valutazione: 4 stelle